La considerazione del rischio Na Tech nell’ambito delle attività di controllo in stabilimenti industriali

Il corso si prefigge lo scopo di rendere edotti i partecipanti circa le attività di valutazione e controllo previste dal D.Lgs. 105/2015 (attuazione italiana della Direttiva 2012/18/UE), con attenzione al ruolo che il Sistema di Gestione della Sicurezza per la Prevenzione degli Incidenti Rilevanti (SGS-PIR) gioca per garantire la corretta attuazione delle misure di prevenzione e protezione contro gli incidenti rilevanti originati da eventi NATECH.
DURATA: 6 ore
Segnaposto

Scegli edizione:

13 settembre 2024 Videoconferenza

Informazioni corso:

Destinatari

Il corso è rivolto a ASPP/RSPP, Dirigenti, Preposti, Formatori, Coordinatori di cantiere, Datori di lavoro, Ingegneri, Architetti, Geometri, Periti Industriali e a tutte le figure lavorative che si occupano di Qualità Ambiente e Sicurezza

Obiettivi didattici

Avere un quadro di riferimento circa la gestione di eventi incidentali aventi origine da pericoli naturali, attraverso procedure specifiche, buone pratiche e metodi utilizzati per valutare la risposta dell’industria alle problematiche NATECH, individuando gli elementi critici per il funzionamento in sicurezza degli impianti, nonché quelli per la pianificazione delle emergenze.

Analisi fabbisogno formativo

Il corso si prefigge lo scopo di rendere edotti i partecipanti circa le attività di valutazione e controllo previste dal D.Lgs. 105/2015 (attuazione italiana della Direttiva 2012/18/UE), con attenzione al ruolo che il Sistema di Gestione della Sicurezza per la Prevenzione degli Incidenti Rilevanti (SGS-PIR) gioca per garantire la corretta attuazione delle misure di prevenzione e protezione contro gli incidenti rilevanti originati da eventi NATECH.

Contenuto del corso

  • NaTech e prevenzione degli incidenti rilevanti: le attività normative e di standardizzazione
  • I pericoli naturali come causa significativa di incidenti industriali
  • Valutazioni di sicurezza e analisi di rischio NaTech per stabilimenti Seveso
  • Lezioni apprese dalle attività post incidente e buone pratiche industriali

Verifica finale dell'apprendimento

E' prevista la verifica finale dell'apprendimento

Metodologie didattiche

La metodologia didattica è studiata per favorire lo stile di apprendimento dei partecipanti. Saranno quindi adottate metodologie improntate sulla teoria dell’apprendimento degli adulti come: Lezione esemplificativa ed interattiva, Discussione di casi, Lavori di gruppo, Esercitazioni, Filmati, ecc.

Docente del corso

L’ing. Romualdo Marrazzo è un esperto “senior” in tema di HSE, su base nazionale. Svolge, in qualità di dipendente di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) con il ruolo di tecnologo, le seguenti attività:

  • supporto tecnico-scientifico, per conto del Ministero dell'Ambiente (oggi MASE) e della Commissione Europea, relativamente alla Direttive Seveso (stabilimenti industriali con pericolo di incidenti rilevanti);
  • valutazione integrata di incidenti rilevanti, analisi dei rischi e impatti sul territorio, a seguito di rilascio di sostanze chimiche pericolose;
  • ispezioni su base regolare e dopo un incidente negli stabilimenti Seveso;
  • attività di formazione per ispettori sulla sicurezza industriale e analisti di rischio;
  • svolgimento di ispezioni ambientali ai sensi della direttiva IPPC-IED (AIA - Autorizzazione Integrata Ambientale);
  • analisi dei processi per la riduzione degli impatti e dei rischi derivanti dalla produzione e dall'uso di combustibili;
  • formazione ed aggiornamento in ambito antincendio e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Attestati

Gli attestati nominali saranno rilasciati a seguito della frequenza completa del corso (sono permesse assenze solo per il 10% del monte ore totale) e a seguito del superamento del test di verifica dell’apprendimento.

Documentazione rilasciata

Saranno messe a disposizione specifiche dispense fuori commercio sulle tematiche del corso.

Certificazione AIAS Cert

AIASCERT, Organismo di Certificazione Accreditato da ACCREDIA, certifica le competenze delle figure professionali secondo processi e schemi conformi alla norma UNI 17024. Il corso può essere valido per aggiornamento e o formazione specifica ai fini della certificazione secondo alcuni schemi. Clicca qui qui per visualizzare tutti gli schemi disponibili.
Per maggiori informazioni contatta la segreteria AIASCERT alla mail svalenza@networkaias.it