Le soft skills delle figure con responsabilità: gestire il ruolo in maniera adattiva

Alle competenze classiche di un manager\capitano d’impresa quali la leadership, la capacità di trascinare il team nel cambiamento, la visione e la coerenza bisogna aggiungere nuove skills necessarie per sopravvivere in questo mutato contesto di business
DURATA: 8 ore
Al momento non sono programmate edizioni per questo corso. Richiedi informazioni per restare aggiornato sulla pubblicazione di edizioni future.

Informazioni corso:

Crediti formativi

n. 8 aggiornamento RSPP/ASPP, RLS, Formatori, CSP/CSE, Dirigenti, Preposti, Lavoratori, per il percorso formativo HSE area organizzativa-gestionale

Destinatari

Figure apicali aziendali, senior e middle manager, imprenditori, gestori di risorse in generale, consulenti “integrati” in azienda, consulenti che vogliano ampliare il loro mindset, altro.

Obiettivi didattici

Al termine del corso i partecipanti potranno disporre di un “kit” di riflessioni e spunti che li potrà guidare nell’avvio di un percorso individuale di sviluppo e crescita continuo

Stiamo infatti vivendo un momento storico molto vivace che ci vede operare in un contesto digitale in forte trasformazione. Alle competenze classiche di un manager\capitano d’impresa quali la leadership, la capacità di trascinare il team nel cambiamento, la visione e la coerenza bisogna aggiungere nuove skills necessarie per sopravvivere in questo mutato contesto di business.

Quindi, l’obiettivo del corso sarà quello di ampliare il mindset su 5 direttrici fondamentali:

  • Velocità adattiva - siamo in un mondo dove non è più possibile prevedere le regole del gioco. C’è bisogno di flessibilità e capacità di guidare il team senza troppa pianificazione.
  • Interculturalità e attitudine sociale - siamo in una società nella quale è importante apprezzare e valorizzare la diversità. Il lavoro in gruppi multiculturali e multifunzionali consente la contaminazione di idee e crea innovazione.
  • Etica e responsabilità - la digitalizzazione, i temi della privacy, la sostituzione di ruoli e di mansioni grazie all’automazione sono temi attuali e molto sensibili nei quali il manager deve imparare a muoversi.
  • Empatia strutturata - il remote management, l’empatia “filtrata” da uno strumento digitale che si interpone nella comunicazione, la riduzione dello scambio fisico per motivare il proprio team, sono temi di vitale importanza che il manager\imprenditore deve affrontare in maniera consapevole.
  • Pensiero Critico - in un mondo dove i Big Data sono il fulcro delle azioni di business, la capacità di ricevere, analizzare e interpretare i dati verificando le fonti e mantenendo autonomia di pensiero è di basilare importanza per un manager costruttivo e per un imprenditore aggiornato.

Analisi fabbisogno formativo

In passato vivevamo in una economia complicata che richiedeva pianificazione e organizzazione mentre oggi viviamo in un’economia complessa. Nasce quindi la necessità di creare innovazione (anche su se stessi) per sopravvivere a concorrenti sempre più agguerriti e fare fronte ad un mercato sempre più esigente e veloce.

Quali sono le aree di competenza richieste oggi al manager\imprenditore 5.0 focalizzato sulla centralità della persona in un “sistema lavoro” dominato dalla tecnologia, dalla resilienza e dalla promozione della sostenibilità?

Nell’era della collaborazione tra uomo e macchina serve al manager\imprenditore una nuova cassetta degli attrezzi che veda protagoniste le abilità “dure” (o “hard skill”) e le competenze soffici, altrimenti dette “di vita”.

In un mondo in continua evoluzione e trasformazione è necessario per il manager o imprenditore avere ed esercitare competenze trasversali che permettano di gestire il proprio ruolo in maniera efficace e responsabile nel rispetto delle policy, della mission aziendale e dei valori organizzativi, diventando al contempo apportatori di nuovi spunti e prospettive di miglioramento globale.

Allo stesso modo, per il consulente si tratta di mettere a terra la giusta flessibilità e abilità di adattamento per favorire l’integrazione con il sistema e agevolare la costruzione di una relazione empatica con il Cliente\Committente e i suoi Collaboratori.

Per il manager o l’imprenditore si tratta di imparare a vedere le persone al di là dei loro ruoli e concentrarsi invece su chi sono e sul valore che sono in grado di portare all’interno dell’azienda. Non sempre, purtroppo, le persone, all’interno di un’organizzazione professionale, sono inserite nel ruolo giusto ed è compito di un bravo manager o imprenditore fare una fotografia dell’attuale situazione ed apportare i giusti cambiamenti nel team, comprendendo le attitudini di ogni componente, le potenzialità e le aspettative che esulano dalla “job” formale assegnata.

Ma non basta: il protagonista, sia egli manager\imprenditore o consulente, deve cominciare a capire meglio se stesso, le leve che lo spingono ad agire, le motivazioni che giornalmente lo supportano nel prendere le decisioni e soprattutto deve irrobustire le fondamenta del suo ruolo di guida.

Contenuto del corso

  • Il contesto e lo scenario attuale
  • Le nuove skills del “manager 5.0”
  • Innovazione radicale, leadership condivisa, gestione del cambiamento, gestione fluida dei Collaboratori
  • Conoscere se stessi per avere un mindset equilibrato e “robusto”
  • L’utilizzo dell’Intelligenza Emotiva al servizio della performance, del riconoscimento reciproco e della propria valorizzazione   
  • Dove mi colloco oggi e cosa mi manca
  • Definire il percorso individuale di “re-skilling e up-skilling”

Verifica finale dell'apprendimento

E' prevista la verifica finale dell'apprendimento

Metodologie didattiche

La metodologia didattica è studiata per favorire lo stile di apprendimento dei partecipanti. Saranno quindi adottate metodologie improntate sulla teoria dell’apprendimento degli adulti come: Lezione esemplificativa ed interattiva, Discussione di casi, Lavori di gruppo, Esercitazioni, Filmati, ecc.

Il docente, al fine di favorire lo scambio e le riflessioni comuni, utilizzerà un approccio “ibrido” alternando coaching e mentoring ai momenti di training.

Attestati

Gli attestati nominali saranno rilasciati a seguito della frequenza completa del corso (sono permesse assenze solo per il 10% del monte ore totale) e a seguito del superamento del test di verifica dell’apprendimento.

Documentazione rilasciata

Saranno messe a disposizione specifiche dispense fuori commercio sulle tematiche del corso.

Certificazione AIAS Cert

AIASCERT, Organismo di Certificazione Accreditato da ACCREDIA, certifica le competenze delle figure professionali secondo processi e schemi conformi alla norma UNI 17024. Il corso può essere valido per aggiornamento e o formazione specifica ai fini della certificazione secondo alcuni schemi. Clicca qui qui per visualizzare tutti gli schemi disponibili.
Per maggiori informazioni contatta la segreteria AIASCERT alla mail svalenza@networkaias.it