Whistleblowing e sicurezza sui luoghi di lavoro

Il D.Lgs. 24/2023, di attuazione della Direttiva europea 2019/1937, ha introdotto importanti novità in tema di whistleblowing. La nuova disciplina prevede nuovi obblighi a carico degli enti, sia pubblici che privati, i quali impattano anche sulla normativa in materia di sicurezza.
DURATA: 4 ore
Al momento non sono programmate edizioni per questo corso. Richiedi informazioni per restare aggiornato sulla pubblicazione di edizioni future.

Informazioni corso:

Crediti formativi

n. 4 aggiornamento RSPP/ASPP, RLS, Formatori, CSP/CSE, Dirigenti, Preposti, Lavoratori, per il percorso formativo HSE area giuridico-amministrativa

Destinatari

Il corso è rivolto Professionisti, RSPP, RLS, Dirigenti, Preposti, Lavoratori 

Obiettivi didattici

Acquisizione di conoscenze teoriche e pratiche della normativa Whistleblowing e dei suoi rapporti con gli obblighi di segnalazione posti a carico dei lavoratori e dei preposti dal D.lgs. n. 81/2008, con particolare approfondimento sui canali di segnalazione e sulle condotte segnalabili secondo il D.lgs. 24/2023.

Analisi fabbisogno formativo

Il D.Lgs. 24/2023, di attuazione della Direttiva europea 2019/1937, ha introdotto importanti novità in tema di whistleblowing. La nuova disciplina prevede nuovi obblighi a carico degli enti, sia pubblici che privati, i quali impattano anche sulla normativa in materia di sicurezza. Si rende allora indispensabile analizzare la nuova normativa Whistleblowing e i suoi punti di contatto con gli obblighi di segnalazione previsti dal D.lgs. 81/2008. Il focus sarà principalmente sulle condotte segnalabili e sui canali da utilizzare, nonché sulle nuove tutele offerte ai lavoratori segnalanti.

Contenuto del corso

  • Introduzione al D.lgs. 24/2023: la nuova disciplina in materia di Whistleblowing
  • Le nuove tutele del segnalante e dei soggetti coinvolti
  • La segnalazione Whistleblowing: ambito soggettivo e ambito oggettivo del D.lgs. 24/2023
  • Gli obblighi di segnalazione del lavoratore, del preposto e del RLS secondo il D.lgs. 81/2008
  • Whistleblowing e sicurezza sul lavoro: discipline a confronto
  • Il canale di segnalazione interna
  • Il ruolo del gestore
  • Segnalazione inammissibile e segnalazione anonima
  • Le investigazioni interne
  • Il coordinamento con le denunce e le investigazioni dell’Autorità Giudiziaria
  • Il canale di segnalazione esterna
  • La procedura Whistleblowing nelle multinazionali e sistemi internazionali di open reporting

Verifica finale dell'apprendimento

E' prevista la verifica finale dell'apprendimento

Metodologie didattiche

La metodologia didattica è studiata per favorire lo stile di apprendimento dei partecipanti. Saranno quindi adottate metodologie improntate sulla teoria dell’apprendimento degli adulti come: Lezione esemplificativa ed interattiva, Discussione di casi, Lavori di gruppo, Esercitazioni, Filmati, ecc.

Docente del corso

Fabrizio Salmi, Avvocato iscritto presso l’Ordine degli Avvocati di Milano, titolare titolare dello studio Legale Salmi che opera nel campo del diritto penale dell’impresa. Esperto l’implementazione dei Modelli organizzativi di gestione e controllo (MOG) e ricopre incarichi di Organismo di Vigilanza (Odv) ai sensi del D.Lgs. 231/01, formatore qualificato in ambito salute e sicurezza; ricopre incarichi di RSPP .

Piero Magri, Avvocato dal 1994 ed ha una consolidata esperienza nell’assistenza giudiziale in tutti gli ambiti dei c.d. White collar Crime tra i quali i reati in materia di sicurezza sul lavoro. Fondatore dei dipartimento penale prima di  RPLT ed ora di BSVA, assiste aziende nei processi 231 e nella attività di compliance per la redazione di Modelli Organizzativi o in ODV. È socio di Aias e da anni è relatore in tema di organizzazione e responsabilità penale in materia di sicurezza sul lavoro e 231. Ha pubblicato monografie, capitoli di libri e numerosi articoli in materia di reati contro il patrimonio, anticorruzione, 231 e sicurezza sul lavoro.

Attestati

Gli attestati nominali saranno rilasciati a seguito della frequenza completa del corso (sono permesse assenze solo per il 10% del monte ore totale) e a seguito del superamento del test di verifica dell’apprendimento.

Documentazione rilasciata

Saranno messe a disposizione specifiche dispense fuori commercio sulle tematiche del corso.

Certificazione AIAS Cert

AIASCERT, Organismo di Certificazione Accreditato da ACCREDIA, certifica le competenze delle figure professionali secondo processi e schemi conformi alla norma UNI 17024. Il corso può essere valido per aggiornamento e o formazione specifica ai fini della certificazione secondo alcuni schemi. Clicca qui qui per visualizzare tutti gli schemi disponibili.
Per maggiori informazioni contatta la segreteria AIASCERT alla mail svalenza@networkaias.it